• en
  • it
ACCADDE OGGI - Il 12 dicembre 1928, muore a Dresda il violoncellista, pianista e compositore August Nölck

Concorso Internazionale di violoncello Benedetto Mazzacurati


 

Con il Concorso Internazionale di violoncello Benedetto Mazzacurati, il conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, e la città tutta, rendono omaggio ad un grande violoncellista, napoletano per nascita, ma torinese d’adozione. Per anni Mazzacurati, nelle aule del Conservatorio, ha affiancato i giovani violoncellisti nel loro percorso di crescita artistica e professionale. Per anni ha suonato nelle orchestre torinesi: Eiar, RAI, Teatro Regio.

Nato a Napoli il 17 Settembre 1898, muore a Sanremo il 29 marzo 1984. Fra queste due date, una vita piena di musica. Mazzacurati, dopo il diploma, nella città natale nel 1915, sotto la guida di Francesco Serato, si trasferisce al nord. A Torino lavora in orchestra, ben presto come primo violoncello, e poi si dedica all’insegnamento, non solo del suo strumento, ma anche di musica d’insieme. Prima a Torino poi a Bologna dove, come Presidente dell’Accademia Filarmonica, si dedica con passione e competenza anche all’attività di promozione culturale e musicale. Intanto la sua vita professionale scorre intensa e ricca di soddisfazioni: suona con l’Orchestra d’Archi “I Virtuosi di Roma”, nel “Doppio Quintetto di Torino”, nel “Quartetto dell’Eiar” e nel “Trio Italiano” (con Nino Rossi e Remy Principe). Gli resta tuttavia anche il tempo per comporre, dedicandosi soprattutto al suo strumento. Fra le sue composizioni la Borlesca, il Canto nostalgico e gli Studi per violino di Kreutzer e di Fiorillo che trascrive per violoncello, pensando ai suoi allievi.

Poco dopo la sua morte, la famiglia decide di donare al Conservatorio di Torino il prezioso fondo musicale lasciato da Benedetto Mazzacurati. Nel 1996 promuove un premio violoncellistico dedicato a Mazzacurati, all’interno del Concorso Viotti, ma l’esperienza non ha poi seguito.

Il concorso vero e proprio nasce da un’idea del M° Vito Maggiolino, che ha trovato un valido sostegno in Valentino Castellani, Presidente del Conservatorio Giuseppe Verdi. La direzione del concorso è affidata al M° Marco Zuccarini. Alla base del progetto, l’idea che ricordare un violoncellista come Mazzacurati, studioso del suo strumento, insegnante, musicista nelle orchestre e in gruppi da camera, possa rappresentare un’esperienza emozionale significativa per ogni concorsista che aspiri a raggiungere traguardi importanti, rendendolo al tempo stesso consapevole del fatto che traguardi di questo tipo richiedono metodo, impegno, determinazione e soprattutto molta fatica.

Un concorso tutto italiano dunque, dal punto di vista organizzativo, storico, musicologico, ma con una decisa proiezione internazionale: alle giovani promesse del violoncello desiderose di per mettere in luce il proprio talento e la propria personalità artistica, verrà offerta un’occasione preziosa per mettersi alla prova di fronte ad una giuria di altissimo livello, composta non solo dai più qualificati protagonisti del mondo musicale torinese, come il Direttore del Conservatorio Giuseppe Verdi ed il Direttore Artistico dell’Orchestra Nazionale della Rai, ma anche dai protagonisti del mondo del violoncello: Enrico Dindo, Giovanni Sollima, Asier Polo, Jens Peter Maintz, Frans Helmerson.

Per i primi tre classificati, in palio somme importanti. Al vincitore la preziosa possibilità di esibirsi in concerto con l’Unione Musicale di Torino, l’Accademia Internazionale di Pinerolo, l’Accademia Filarmonica Romana, la Fondazione Musica Insieme Bologna, l’Orchestra Sinfonica di San Remo.

Il Concorso Internazionale Benedetto Mazzacurati prevede un’eliminatoria tramite video, una semifinale e una finale con orchestra. Possono iscriversi al concorso violoncellisti di ogni nazionalità, nati dopo il 1° settembre 1988. La semifinale si svolgerà a Torino dal 27 settembre al 4 ottobre 2019 presso la Sala Concerti del Conservatorio “G. Verdi” di Torino, via Mazzini 1. Le due finali con orchestra presso l’Auditorium RAI di Torino. Nella semifinale sarà possibile ripresentare la sonata scelta per il video. A disposizione dei candidati, pianisti accompagnatori di grande esperienza: Elena Camerio, Monica Cattarossi, Giorgia Delorenzi, Valentina Messa, Stefano Musso, Andrea Stefanelli, Sandro Zanchi.

Online il Regolamento del Concorso, il Programma e il Modulo per l’iscrizione che deve essere effettuata entro il 20 aprile 2019:

Alla prima edizione del concorso, nel 2016, hanno partecipato 114 violoncellisti provenienti da tutto il mondo, di cui 18 al di sotto dell’età di 18 anni. Finalisti sono stati l’italiano Alessio Pinelli, poi risultato vincitore, quindi Julia Hagen e Min Ji Kim.