ACCADDE OGGI - Il 27 settembre 1879, nasce a Oxton il poeta e compositore Cyril Scott

David Johnstone (3)


Quale delle tue composizioni ti piace di più e qual è quella che ha più successo?
Di nuovo troppo difficile da restringere, così brevemente (alcune sono su YouTube):
Sinfonia of Passion, per due solisti (varie possibilità) e orchestra d’archi; romantico, un mix tra Bach, Bruckner e Franck. Le mie 4 Seasons per violino e archi (mai state presentate in prima assoluta in concerto, non so perché!!), Tango World, una serie di 6 pezzi per tre violoncelli in stile tango, in cui ho trattato molti aspetti del tango [20 minuti] – quelli più facili sono stati eseguiti numerose volte negli ultimi tre anni circa!
I miei ultimi concerti: Concerto-Rhapsody for Double Bass and Orchestra (archi e fiati) [26-27 min], e Concerto (Elegiac) per viola e orchestra da camera (archi e 2 corni) [19-20 min]. Mi piacciono entrambi questi lavori perché il solista domina senza ricorrere a virtuosismi “a buon mercato”, e anche le parti orchestrali hanno cose interessanti, non solo il solista.
Gruppi di musica da camera: The Song Sonata, un popolare lavoro classico per duo di fisarmonica e pianoforte [12-13 minuti] – molto apprezzato in Spagna! Violin and Viola Friends, per ottetto di 6 violini e 2 viole [8 min].
Recital/Solo: Breaking Into Bach – 2 album di brani originali influenzati da Bach per il violoncellista Young Solo – [18 pezzi, 35 minuti in totale] – anche versioni per viola e contrabbasso. Sonata, for Solo Oboe [12 minuti] – davvero buona credo, ma molto dura/virtuosistica! Sonata for Solo Violin [17′ 00”] – non eseguita in anteprima, ancora MOLTO difficile!

In questi giorni stai presentando una nuova versione del tuo Concerto per violoncello. Quali sono le caratteristiche di questo concerto e quali sono le modifiche che, in questa nuova versione, hai apportato alla composizione originale?
Questo originariamente risale al 2007 e utilizza in proporzioni uguali lo sviluppo sinfonico e un’atmosfera di canzone popolare più lirica. Perché cambiare le cose? Perché all’inizio di quest’anno ho avuto l’enorme privilegio di registrare con l’Basque National Orchestra (San Sebastian) il mio Symphony-Concerto for Txistu (= flauto basco) e orchestra, e il movimento centrale è un grande movimento solista per solista senza orchestra; qui funziona bene come aumento delle tensioni prima del terzo movimento energetico. Ma, nel Cello Concerto, c’era anche una grande cadenza per il violoncello solista tra gli altri due movimenti e, a posteriori, ho sentito che questa sezione separava le parti esterne piuttosto che aiutarle a unirsi. Così ho creato un nuovo movimento centrale, un movimento di tipo Scherzo, che utilizzava parti della vecchia cadenza e incorporava cose nuove, ma questa volta coinvolgendo completamente anche l’orchestra. La cadenza successiva (nuova, composta quest’estate, non basata sul lavoro precedente) è molto più breve, ma rende il passaggio migliore. È più logico e strutturalmente coerente così!

Come ti è venuta l’idea di creare il sito johnstone-music site? Quali difficoltà hai dovuto superare per crearlo e perché hai deciso di consentire agli utenti di scaricare i tanti spartiti disponibili a un prezzo puramente simbolico?

Sono abbastanza orgoglioso del mio sito web, funziona con successo da oltre 20 anni. Infatti, deve essere ormai uno dei più grandi al mondo nell’area del violoncello – è una sorta di “open house” per l’abbondanza di spartiti per recital di violoncello (e anche altri strumenti anche se meno), brani di musica d’insieme da 2 a 40 violoncellisti, molti dei quali collegati a collegamenti ad audio, video e gruppi musicali di tutto il mondo. Attualmente, ci sono oltre 1000 singoli pezzi di spartiti per gruppi di varie dimensioni, che vanno dai violoncellisti alle prime armi ai solisti virtuosi professionisti. In più ci sono articoli e tante informazioni storiche sul violoncello e la sua storia. Molte persone hanno anche donato generosi contributi gratuitamente.
Quindi, su questo sito Johnstone Music, si può trovare la maggior parte dei miei lavori degli ultimi 30 anni – non sarebbe molto miope avere tutti questi pezzi quasi inutilizzati sugli scaffali o usati solo per una prima e poi dimenticati? Preferirei di gran lunga che fossero condivisi in giro. Per molti anni infatti tutto è stato gratuito ma, qualche anno fa, i miei webmaster mi hanno convinto che era meglio chiedere pagamenti simbolici, perché tutto questo è così grande che costa ben oltre 1000€ l’anno semplicemente per mantenerlo. Nessuno dovrebbe in alcun modo pensare che questa sia un’avventura commerciale; per niente, e spesso mi fa venire il mal di testa, ma lo adoro – si potrebbe dire che è un “hobby professionale”!!

Se avessi una bacchetta magica che ti permette di esaudire tre desideri, quali dei tuoi desideri vorresti fossero esauditi?
1 – Vorrei che dalla musica classica si eliminassero le gelosie e le critiche inutili; tutti facciamo quello che possiamo e siamo tutti diversi. Nessuno sa tutto. La musica è farci sentire MEGLIO! Se non puoi dire qualcosa di carino è meglio non dire niente!
2 – Che, sebbene i benefici dei progressi tecnologici possano essere di grande utilità e aiuto, dovremmo ricordare che la tecnologia deve essere al nostro servizio; non dovremmo essere prigionieri della tecnologia!
3 – Compassione – un mondo dove le persone possano muoversi più liberamente, accogliere meglio gli immigrati, non essere così prevenute dall’opposizione di vecchia generazione sull’orientamento sessuale, e dove le religioni cerchino di non imporsi sugli altri… e nemmeno le persone sugli animali, che a mio avviso hanno lo stesso “diritto” di vivere come noi.
Sento che questi tre avranno ancora bisogno di qualche generazione!!

Grazie mille per averci dato l’opportunità di farti conoscere meglio dai nostri lettori. Speriamo che tu possa trovare presto la bacchetta magica giusta…