ACCADDE OGGI - Il 27 ottobre 1782, nasce a Genova il violinista e compositore Niccolò Paganini

Leonid Gorokhov (2)


È utile per un violoncellista frequentare corsi di perfezionamento con diversi violoncellisti durante il suo periodo di formazione?
Sì. Le lezioni di perfezionamento con grandi colleghi sono incentrate su un lavoro dettagliato, duro e onesto con gli studenti e non utilizzato per scopi narcisistici.

Nella relazione studente-insegnante, uno studente impara di più ascoltando una spiegazione teorica o ascoltando l’insegnante che suona?
Entrambi sicuramente, il passaggio delle informazioni è cruciale: una parola fuori posto o una brutta esemplificazione non possono che far perdere una fiducia acquisita duramente.

Preferisce suonare da solo, con altri violoncellisti o con musicisti che suonano altri strumenti?
Adoro tutto quanto sopra, soprattutto con amici e musicisti affini.

E quali sono i musicisti con cui ha collaborato e collabora più volentieri?
Quelli con cui suono in maniera occasionale.

Qual è il momento della sua vita da violoncellista che ricorda con più piacere?
Un pianto incontrollabile quando ho avuto la possibilità di ascoltare Shafran dal vivo a Londra, nel 1994, dopo tanto tempo che non lo sentivo.

Da poco è stato presentato il suo ultimo CD. Quali CD hai registrato e quali vorresti registrare?
Certamente non troppi, per contribuire alla situazione della spazzatura di plastica, in realtà solo quelli per cui non ho potuto resistere alla tentazione di registrarli. L’ultimo, appena rilasciato, per lo stesso motivo. Con il mio caro amico e un artista meraviglioso, Niklas Sivelöv.

Molti dei musicisti che ho intervistato vedono nella diffusione della cultura musicale un modo per creare pace tra i popoli. Crede anche lei che sia vero?
Credo che per raggiungere questo obiettivo, abbiamo bisogno di un pubblico istruito. Le persone possono davvero capire il messaggio solo quando possono relazionarsi con la lingua. Quindi, in una certa misura, vero; suonare da soli non è abbastanza.

Quali sono i suoi progetti musicali per il 2020?
Ora la maggior parte dei progetti è sospesa; il principale è garantire la possibilità ai miei studenti di sentirsi ispirati, curati e mai soli.

Grazie mille per la sua disponibilità a rispondere alle mie domande. Spero che i suoi progetti “sospesi” possano essere realizzati.

 

© Foto di Thorsten Scherz