• it
    • en
ACCADDE OGGI - Il 17 luglio 1927, muore a Baden-Baden la pianista e compositrice Luise Adolpha Le Beau.

Lucca Classica Musica Festival 2018


 

Lucca Classica Music Festival parte il 3 maggio, dedicando quattro giorni ad appuntamenti musicali per vivere la città di Lucca, scoprendo teatri, piazze, musei, palazzi storici e strade. Un’edizione 2018 dedicata a tutti e che si propone con concerti in massima parte ad ingresso gratuito. Ecco una rapida sintesi del calendario degli eventi.

Giovedì 3 maggio
Alle 17 cerimonia inaugurale del Festival: Silvia Chiesa e Maurizio Baglini (violoncello e pianoforte) interpreteranno Schumann. Poi Sandro Cappelletto parlerà del violoncello visto da Fellini e Chagall. La sera, alle 21, nella bellissima chiesa di San Francesco, Orchestra e il Coro dell’ISSM Luigi Boccherini eseguiranno la Prima Sinfonia di Beethoven ed il Te Deum di Dvorak.

Venerdì 4 maggio
Alle 9.30 nell’Auditorium dell’ISSM Boccherini il via alla seconda giornata: Beethoven nel progetto di Fabrizio Datteri con il Quartetto Archè. Quindi “La nota rossa” dove Oreste Bossini attraversa l’umanità ed il genio di grandi artisti della Russia del secolo scorso: le prime note de “La nota rossa” saranno quelle di Šostakovič interpretate dal Quartetto Guadagnini. Alle 12 in, Palazzo Ducale, Alessandro Marangoni e Gabriella Biagi Ravenni racconteranno le scoperte sugli inediti di Rossini e Giacomo Puccini. Capolavori della musica da camera verranno quindi eseguiti nei luoghi più suggestivi: ad esempio la Sacrestia del Duomo, dove si trova il monumento a Ilaria del Carretto, ed i palazzi storici della città. Protagonisti Enrico Bronzi e la sua classe del Mozarteum di Salisburgo, con il ciclo integrale delle Suites di Bach. Giovanni Bietti ci porterà alla scoperta de “Lo spartito del mondo” e, insieme alla direttrice Beatrice Venezi, ci condurrà poi in una vera e propria prova d’orchestra (musiche di Boccherini, Paisiello e Giacomo Puccini senior). L’astrofisica Margherita Cappelletto, la coreografa Evelin Facchini e la musica di Bach introdurranno il pubblico alla scoperta delle onde gravitazionali. La sera, il Teatro del Giglio ospiterà il Concerto per pubblico e orchestra di Nicola Campogrande: esperienza raccomandata a tutte le famiglie. Per chiudere la giornata, alle 23, nell’Auditorium dell’Istituto Boccherini, una riflessione del neuroscienziato Pietro Pietrini ad introdurre il violoncellista Enrico Bronzi, che suonerà al buio la VI Suite di Bach.

Sabato 5 maggio
Giornata dedicata agli inediti per pianoforte di Gioachino Rossini e Giacomo Puccini, proposti in prima mondiale. A seguire 25 appuntamenti straordinari tra i quali segnaliamo il quintetto La Trota di Schubert, che aprirà la giornata nel bellissimo Palazzo Ducale. Ovunque tanta musica: Lucca Classica Brass Band (Quinto Aere – quintetto di ottoni) e due storiche bande cittadine animeranno il centro storico insieme a decine di musicisti. Moltissimi gli appuntamenti per i bambini e le famiglie: da quelli al Museo Casa Natale Giacomo Puccini, curati dalla Fondazione Puccini, a quello al Teatro del Giglio (uno speciale Gianni Schicchi di Giacomo Puccini con i Pupi di Stac) fino a un appuntamento tutto da vedere dedicato a “Boccherini sulle Mura”, curato dal Centro Studi Boccherini. Quindi esibizioni di Danilo Rossi, prima viola del Teatro alla Scala, del pianista Pietro De Maria, di Marco Rizzi, violinista premiato nei più importanti concorsi al mondo, di Gabriele Mirabassi clarinettista di straordinario valore. La musica invaderà pacificamente i Musei Nazionali, dove sarà possibile ammirare straordinari capolavori della pittura, i palazzi storici della città, la Sacrestia del Duomo nel quale si trova il monumento ad Ilaria del Carretto. La sera, nella chiesa di San Francesco, conclusione della terza giornata del Festival con i due straordinari violini di Uto Ughi (Guarneri del Gesù e Stradivari) che, accompagnato da Andrea Bacchetti, presenterà il suo ultimo lavoro discografico.

Domenica 6 maggio
Con inizio alle 9 del mattino oltre 25 appuntamenti per tutti, tra musica, danza, visite guidate ed una speciale attenzione ai bambini. Eleonora Abbagnato, nella tarda mattinata, incontrerà adulti e bambini al Teatro del Giglio. Alla sera concluderà il Festival con un gala insieme al Corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma. Sandro Cappelletto parlerà di Mozart e di gesti di libertà. Marco Rizzi, con il suo violino, invece, di gesti d’amore che si fanno suono. Andrea Lucchesini proporrà la Fantasia op 17 di Schumann. A Lucchesini si unirà poi il Quartetto di Fiesole per l’esecuzione del Quintetto di Schumann. Nel pomeriggio visite guidate in musei e chiostri: insieme alla musica ed alla poesia di Baudelaire, il concerto dei Solisti Veneti con Claudio ScimoneGabriele Ragghianti e Alberto Bocini prima del gran finale con Eleonora Abbagnato e la musica di Mahler, Vivaldi, Mozart.

Questi gli artisti che coinvolgeranno il pubblico di Lucca Classica Music Festival:
Eleonora Abbagnato, Corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma, Uto Ughi, Andrea Lucchesini, Quartetto di Fiesole, Quartetto Guadagnini, Gabrele Mirabassi, Nicola Campogrande, Alessandro Marangoni, Marco Rizzi, Sandro Cappelletto, Antonello Farulli, Christiane Edinger, Danilo Rossi e Stefano Bezziccheri, Remo Pieri, Alberto Bologni, Angelo Foletto,  Enrico Bronzi, Oreste Bossini, Orchestra da Camera di Lucca Classica, Dora Scapolatempore, Alessandra Aitini, Lorenzo Lombardo, Beatrice Venezi, Giovanni Bietti e Orchestra da Camera di Lucca Classica, Mark Messenger, Maria Tarasievich, Maurizio Baglini, Silvia Chiesa, Gabriele Ragghianti, Alberto Bocini, Natasha Korsakova e Manrico Padovani, Andrea Bacchetti, Laura Bortolotto, Matteo Andri, Quartetto Taag, Pietro De Maria, Giuseppe Bruno, Quartetto dell’Orchestra Archè, Fabrizio Datteri, Coro e Orchestra dell’Istituto Boccherini con GianPaolo Mazzoli e Sara Matteucci, Quartetto Adorno, Evelin Facchini, Margherita Cappelletto, Quinto Aere (Lucca Classica Brass Band)… e tanti altri ospiti.

Lucca Classica Music Festival, come nelle precedenti edizioni, anche quest’ anno è pronta ad offrire ai giovani talenti il palcoscenico ideale per diventare i grandi interpreti di domani. L’ Associazione Musicale Lucchese, insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca ed al Teatro del Giglio, conferma questa vocazione a diffondere “suoni e conversazioni che animano la dimensione dell’incontro”.
Nelle precedenti edizioni Lucca ha ospitato gli studenti del Royal College of Music di Londra, e poi, in ambito nazionale, il Quartetto Adorno, il Quartetto Nous e l’esplosiva esuberanza dei 100 Cellos, ed ancora Mario Brunello e Giovanni Sollima. Per l’edizione 2018, sul palco della città toscana, si esibiranno gli allievi della classe di violoncello di Enrico Bronzi al Mozarteum di Salisburgo, istituzione musicale tra le più importanti nel mondo. Lucca intende così, anche in questa edizione, omaggiare il violoncello ed il suo Maestro, Boccherini.

Novità di quest’anno la collaborazione con Cluster, l’associazione che riunisce i compositori lucchesi. Si vedrà così rappresentata, in prima assoluta, l’opera S’ è desta, allegoria per soprano, pianoforte e fixed media ed il minidramma Mia è la colpa? per soprano e piano (musiche di Andrea Benedetti e libretto di Claudio d’Antonio). La produzione di queste due opere è a cura dell’ International Opera Composition Course Giacomo Puccini.

Come ogni anno, il Festival ospiterà anche le esibizioni degli studenti del conservatorio cittadino. Lungo tutte le quattro giornate della manifestazione daranno vita ad una serie di eventi che prendono il nome di “La musica i luoghi” per animare le piazze, i cortili e palazzi della città. Centrale, per interesse, la sera del 3 maggio, alle ore 21.00, nella Chiesa di San Francesco, orchestra e coro dell’ISSM L. Boccherini eseguiranno la Sinfonia nr. 1 in Do maggiore di Beethoven ed il Te Deum per soli coro e orchestra op. 103 di Dvorak.