• en
  • it
ACCADDE OGGI - Il 22 settembre 1733, nasce ad Eichstätt il compositore Anton Filtz.

MARC D. MOSKOVITZ, R. LARRY TODD, Beethoven’s Cello: Five Revolutionary Sonatas and Their World


MARC D. MOSKOVITZ, R. LARRY TODD
Beethoven’s Cello: Five Revolutionary Sonatas and Their World
Boydell & Brewer Inc.

Nell’anno 1796, a cavallo dei mesi di maggio e luglio, Beethoven, impegnato in un tour di concerti, si trovava a Berlino. Qui conobbe Jean Louis Duport e suo fratello Jean Pierre, violoncellista dell’orchestra di corte, ed insegnante di violoncello di Federico Guglielmo II, re di Prussia. L’eccezionale abilità tecnica dei due fratelli Duport e un ambiente di corte all’interno del quale il violoncello, strumento prediletto del re, aveva un ruolo di protagonista indiscusso influenzarono certamente la scelta di Beethoven di dedicarsi alla composizione delle sue due Sonate per violoncello, op. 5.

Inutile dire che le sonate, eseguite a corte da Beethoven stesso e da Duport, furono dedicate a Federico Guglielmo II e che il re dimostrò il suo apprezzamento regalando a Beethoven una tabacchiera d’oro piena di Luigi d’oro. E non una tabacchiera qualsiasi, ma “un dono degno di un ambasciatore”. Pochi mesi dopo, nel febbraio 1797, le due Sonate furono stampate da Artaria a Vienna, una delle case editrici più prestigiose dell’epoca.

Dopo questo felice inizio, Beethoven continuò, nel corso della sua vita, a scrivere musica per violoncello e pianoforte, dimostrando di averne ben compreso le possibilità timbriche ed espressive ed impostando in modo molto personale ed innovativo i ruoli dei due strumenti all’interno del dialogo compositivo.

In Beethoven’s Cello: Five Revolutionary Sonatas and Their World, dopo la prefazione del violoncellista Steven Isserlis, Moscovitz e Todd offrono al lettore una completa panoramica non solo sulle cinque Sonate, ma su tutte le composizioni per violoncello di Beethoven, inserendole nel contesto storico e culturale del loro periodo.

Il libro, pubblicato nel 2017, è quindi la guida ideale per violoncellisti, pianisti, musicologi ed appassionati di musica da camera che desiderano osservare da nuovi punti di vista un repertorio che certamente già ben conoscono.

Marc D. Moscovitz è il primo violoncello della ProMusica Chamber Orchestra. Ha inciso per l’etichetta VAI un CD dedicato a Popper ed un CD dedicato ad Alfredo Piatti. Il Washington Post ha giudicato la sua prima americana della Sonata di Zemlinsky per violoncello come una “performance appassionata”. Importante il suo contributo nel Dizionario della musica e dei musicisti di New Grove. Un altro suo lavoro, la biografia Alexander Zemlinsky: a Lyric Symphony è stata pubblicata dall’Editore Boydell & Brewer nell’anno 2010.

Laddy Todd è professore di scienze e arti alla Duke University.  É riconosciuto come il più autorevole studioso e biografo di Mendelssohn. Il suo libro Mendelssohn: A life in Music è stato nominato, nel 2003, come Best Biography dall’Association of American Publishers. Inoltre il suo lavoro Fanny Hansel: the Other Mendelssohn ha ricevuto l’ASCAP Nicholas Slonimsky Award per il suo valore straordinario come biografia nella musica. Importante anche il suo contributo come pianista: ha infatti inciso per JRI Recordings, insieme alla violoncellista Nancy Green, le opere complete per violoncello di Mendelsshon e Fanny Hensel.

Boydell & Brewer Inc. – TCIN 53231357 – UPC: 9781783272372