• it
ACCADDE OGGI - Il 25 giugno 1902, muore in Amburgo il flautista e compositore Wilhelm Popp

Ida Riegels (3)


La bicicletta è una macchina perfetta, ma nello stesso tempo la più essenziale, quasi la più povera. Inspiegabilmente, però, nel mondo esistono milioni di appassionati sportivi che praticano questo sport e che seguono i grandi Tour internazionali, le classiche del ciclismo. Questo sport conserva un fascino leggendario anche a dispetto della sua semplicità: i campioni del passato sono vivi nella storia. Ci può essere una relazione con uno strumento, il violoncello, al contrario complesso da studiare, che richiede tecnica e anni di preparazione?
Questa è una domanda interessante. Per me ci sono delle affinità fra andare in bicicletta e suonare uno strumento. Quando padroneggi un brano musicale, hai una buona memoria uditiva. Potremmo dire che hai un ricordo melodico del pezzo. Hai anche una memoria visiva, di come appare la musica sullo spartito, battuta dopo battuta. E poi hai la memoria fisica, o la memoria muscolare del brano: puoi effettivamente suonare senza pensarci, perché le tue dita sanno dove andare. E questo tipo di memoria è molto simile al ciclismo. La bicicletta è così semplice, ed è la memoria muscolare che usi. Non ti dimentichi mai come si fa, anche se non lo fai da anni. Con la musica che conosci molto bene è la stessa cosa. Appena riprendi in mano quel movimento della quarta Suite di Bach che non hai suonato per anni, le tue dita ricordano tutto, e una nota segue l’altra con naturalezza. È una memoria muscolare, come quella che si usa per andare in bicicletta.

 

La musica richiede preparazione, ma anche “contaminazione” dall’ambiente, relazioni. La bicicletta può favorire questo contatto non mediato con un mondo da descrivere suonando?
Penso proprio di sì. C’è qualcosa di molto musicale nel flusso di scenari che passa quando si pedala. Alcune persone cantano sotto la doccia ed altri cantano sulla bici. Per me andare in bicicletta è il momento migliore per l’ispirazione. Compongo anche, e molto spesso mi viene in mente un’idea per un tema musicale quando sono in bicicletta. Non è molto pratico, perché non si sa dove annotarlo? A volte lo registro sul mio telefono mentre sto pedalando, e poi corro a casa a provarlo con il violoncello.

 

Che tipo di risposte hai avuto, nei diversi luoghi, proponendoti come ciclista e violoncellista? Come sei stata accolta?
Gli organizzatori di un mio concerto in Germania mi hanno detto che inizialmente pensavano che la mail che avevo inviato per proporre il concerto fosse spam. Trovavano veramente troppo insolito fare un tour in bicicletta. Poi però hanno ascoltato il video allegato. Allora mi hanno invitato per un concerto ed hanno anche invitato la TV locale. Gli americani sembra pensino che sia molto pericoloso andare in bicicletta con un violoncello. E in effetti hanno ragione perché negli Stati Uniti le strade sono molto trafficate e non ci sono piste ciclabili. Molte persone ritengono che sia impossibile trasportare uno strumento così grande in bicicletta senza correre rischi. Ho però anche trovato un ragazzo italiano che mi ha detto che girare il mondo in bicicletta con un violoncello fosse un ottimo modo di dare un senso alla propria vita. Un po’ come facevano una volta i trovatori.

 

Ed ora la domanda più difficile: ma tu, quando ti capita di forare una gomma, sai ripararla o devi cercare un passaggio fino al paese più vicino, per ottenere un aiuto?
Quando viaggio in bicicletta per un tour di concerti cerco sempre di portare con me solo lo stretto indispensabile. Per esempio, solo due cambi di vestiti e un abito da concerto poco ingombrante. Imparo tutto a memoria per evitare di dover portare con me spartiti e leggio. In totale porto 10 kg di bagaglio, ma la cosa più importante che porto con me sono i 500 g di attrezzi per la riparazione della bici. Finora sono stata sempre molto fortunata e non ho mai dovuto riparare una gomma forata ma, se mi capitasse, sarei in grado di ripararla!

 

Grazie ancora per essere stata pazientemente con noi e per aver risposto alle nostre domande. Gli auguri migliori per la tua carriera di violoncellista e di ciclista.
Grazie mille per le tue interessanti domande e i migliori auguri per il futuro del tuo sito web. Segui i miei progetti sul mio sito