ACCADDE OGGI - Il 19 giugno 1915, muore a Mosca il pianista e compositore Sergej Taneyev

“La collaborazione e l’amicizia che univano Chopin e Franchomme si basavano su due livelli di comprensione: quella legato ai sentimenti, così preziosa per l’esule polacco nella Parigi mondana dell’epoca e quella artistica, che si nutriva di una grande affinità nella padronanza dello strumento e nella condivisione di valori musicali di base come l’autenticità, la semplicità, la nobiltà d’espressione e l’eleganza”

Con queste parole, Edoardo Torbianelli sintetizza le ragioni che danno senso alla scelta di riunire in un unico CD composizioni di Chopin e Franchomme. L’affinità fra le composizioni dei due amici emerge chiaramente non solo nel linguaggio espressivo, ma anche nella scelta di esprimere, attraverso una voce differente, ma con la stessa intensità espressiva, la stessa ricchissima gamma di emozioni. Emozioni espresse in modo semplice, lineare, elegante e immediato. Una semplicità che, peraltro, non è banalità, ma sobrietà, e soprattutto capacità di resistere alla tentazione di fare vuoto sfoggio di acrobazie tecniche. Franchomme, in particolare, anche nelle variazioni su arie d’opera, il genere musicale che all’epoca più dava agli interpreti l’occasione di mettersi in mostra, pur dimostrando la propria abilità tecnica, la mette sempre al servizio della cantabilità e dell’espressività.

Le composizioni proposte dal CD tracciano per l’ascoltatore un percorso che consente di cogliere in modo esemplare le caratteristiche dei due compositori, per arrivare a comprendere appieno quanto la Sonata in Sol minore op.65 di Chopin, dedicata a Franchomme, possa considerarsi la sintesi della visione musicale di due grandi anime.

Certamente Edoardo Torbianelli e Fernando Caida-Greco sono una coppia di interpreti particolarmente adatta a proporre un raffinato percorso di questo tipo. La loro, infatti, non è una collaborazione occasionale, ma un lungo cammino artistico condiviso. Un cammino che ha origine dagli anni della formazione e che ha portato ad una sintonia interpretativa perfetta. Estremamente interessanti anche l’attenzione alla prassi esecutiva dell’epoca e la scelta di proporre composizioni romantiche con strumenti d’epoca (in questo caso un pianoforte Pleyel 1842 e un violoncello C.A. Miremont 1880 con corde di budello e suonato, senza puntale, con un archetto F.N.Voirin 1870).

Nel libretto del CD (bellissima la copertina!) molto interessante la dettagliata analisi delle relazioni fra le composizioni dei due compositori e le informazioni sulla Foundation Royaumont  e l’Association La Nouvelle Athénes, che hanno contribuito a rendere unico questo CD.

_________________________________________________________________

CHOPIN & FRANCHOMME, Le chant du violoncelle

– AUGUST-JOSEPH FRANCHOMME, Nocturne Op.14 n.3 in E♭ major
– FREDERIC CHOPIN,Polonaise Op.26 n.1 in C# minor
– FREDERIC CHOPIN, Nocturne Op.48 n.2 in F# minor
– FREDERIC CHOPIN, Mazurka Op.30 n.2 in B minor
– AUGUST-JOSEPH FRANCHOMME, Nocturne Op.14 n.1 in F minor
– AUGUST-JOSEPH FRANCHOMME, Capriccio on a theme from “Il Pirata di Bellini” in A minor
– FREDERIC CHOPIN, Sonata in G minor Op.65 for cello and piano: Allegro Moderato – Scherzo – Largo – Finale

Interpreti: Fernando Caida-Greco violoncello – Edoardo Tobianelli pianoforte
Etichetta: Paraty
Data: 20 novembre 2020

Copyright 2023 | Privacy Policy | Cookie Policy | Credits