ACCADDE OGGI - Il 15 luglio 1857, muore a Vienna il pianista e compositore Carl Czerny

Beethoven Sonate per violoncello (op. 102) e 7 Variazioni sul tema “Bei Männern, welche Liebe fühlen”


Filipe Quaresma (violoncello) e António Rosado (pianoforte), rappresentano due dei più quotati musicisti portoghesi contemporanei. In questo Cd interpretano una meravigliosa scrittura per violoncello di Beethoven: le Sonate n. 4 e 5 e le famose 7 Variazioni su “Bei Männen, Welche Liebe Fühlen”. Una registrazione che intende regalare agli ascoltatori l’abilità interpretativa del duo portoghese e la genialità compositiva del maestro di Bonn. Il disco, inoltre, rappresenta un omaggio, al grande violoncellista Paulo Gaio Lima, scomparso nello scorso anno. Questo progetto di Filipe Quaresma e António Rosado nasce per celebrare il 250° anniversario della nascita del compositore tedesco, La registrazione delle ultime due Sonate per violoncello (op. 102) e le affascinanti 7 Variazioni sul tema “Bei Männern, welche Liebe fühlen” (tratto dal “Flauto magico” di Mozart) è seguente ad una prima collaborazione dedicata alle opere di César Franck e Luís de Freitas Branco (Artway/2017), La Sonata per violoncello e pianoforte n .4 in do maggiore , op. 102 n o  1 di Beethoven è un’opera cameristica composta insieme alla Sonata per violoncello e pianoforte n 5 in re maggiore op. 102 n o  2. Nell’Ottocento il numero d’opera veniva assegnato dal compositore al momento della pubblicazione. Il Maestro di Bonn compose queste due opere nell’ anno 1815 e le pubblicò con una dedica alla contessa Maria Von Erdody, amica dello stesso musicista. Era questo un periodo per Beethoven di difficoltà e di malattia, vissuto nel silenzio ma da un punto di vista storico è l’anno che coagula le velleità rivoluzionarie nel Congresso di Vienna e nella musica si reintroduce il principio barocco della polifonia.  Le due Sonate sono opere complesse e contraddistinte da un carattere visionario, che imprimono una svolta decisiva alla sua evoluzione di compositore, inaugurando quello che verrà definito come “il terzo stile di Beethoven”. Inoltre, la chiara investitura interpretativa del violoncellista Lincke imprime una maggiore spinta compositiva verso una complessità strutturale dello spartito. Non da ultimo, proprio con queste Sonate, Beethoven libera il violoncello dall’antico e tradizionale ruolo di “basso che accompagna” ma lo responsabilizza ad un ruolo moderno ed innovativo di strumento concertante, paritario agli altri strumenti.

La Sonata più eseguita rimane la n. 3, tuttavia anche la n.4 e la n. 5 rappresentano un repertorio consolidato della maggior parte della formazione per violoncello e pianoforte.

Il pianismo di Rosado, colto e letterario, incontra il violoncello di Quaresma che ricerca orizzonti contemplativi.

_________________________________________________________________

BEETHOVEN, Sonatas and Variations for Cello

– L. van BEETHOVEN, Cello Sonata n. 4 in C Major, Op 102 N. 1: Andante – Allegro vivace – Adagio Tempo d’Andante – Allegro vivace
– L. van BEETHOVEN, 7 Variation on “Bei mannern, welche liebe fuhlen”, Woo 46: Theme (Andante) – Variation I – Variation II – Variation III – Variation IV – Variation V – Si prende il tempo un poco vivace – Variation Vi -Adagio – Variation VII – Allegro ma non troppo
– L. van BEETHOVEN, Cello Sonata n. 5 in D Major, Op 102 N. 2: Allegro con brio – Adagio con molto sentimento d’affetto – Allegro – Allegro fugato

Interpreti: Filipe Quaresma violoncello – Antonio Rosado pianoforte
Etichetta: Artway Records
Data: 28/30 June 2021


Copyright 2023 | Privacy Policy | Cookie Policy | Credits