ACCADDE OGGI - Il 17 ottobre 1837, muore a Weimar il pianista e compositore Johann Nepomuk Hummel

OLSI LEKA, Reminiscence


“Mio caro papà, la mamma mi ha detto di dirti che ti rimprovererà severamente se non torni a casa in tempo per il mio compleanno. Mi ha anche detto che porterai cioccolatini. Quindi, sbrigati e torna dalla tua spedizione al nord. Qual è il punto di queste spedizioni comunque? … Andiamo, mio ​​caro papà, torna il prima possibile in modo che io possa saltare tra le tue braccia! Il nostro insegnante ci ha detto di inviare una grandine di baci ai nostri padri per spazzare via tutte le nuvole scure. La tua cara bambina, che guarda il cielo ogni notte e ti pensa.                         

 A mio padre, il mio eroe.”

(Lettera di una bambina francese a suo padre sul fronte)

In occasione del centenario della fine della Grande Guerra (1918- 2018) il violoncellista Olsi Leka pubblica il CD “Reminiscence”, in collaborazione con il pianista Peter Caelen ed il fotografo Frédéric Pauwels. L’intento è quello di proporre un CD unico nel suo genere, perché unisce brani di musica classica ad opere di fotografia contemporanea e documenti, come le lettere, ma non solo, scritti dai soldati e dai loro cari durante la grande guerra. La selezione musicale simboleggia i sentimenti, i pensieri e i sogni d’amore che questa generazione portava con sé. Il ricco repertorio per violoncello e pianoforte proposto evoca infatti l’universalità di questi sentimenti, creando il legame tra tutti gli esseri umani al di sopra delle alleanze ideologiche o patriottiche. Le immagini fotografiche che arricchiscono il CD sono realizzate dal fotografo Frédéric Pauwels e sono state realizzate durante un viaggio di ben 700 chilometri lungo il fronte occidentale, da Nieuwpoort, in Belgio, ai Vosgi francesi. Le fotografie di questo reportage documentano le cicatrici lasciate dalla guerra nei paesaggi degli scontri, ma anche in quelli circostanti ancora segnati dalle trincee, dai numerosi monumenti e dai cosiddetti “villaggi morti per la Francia”. “Reminiscence” è un progetto coraggioso, perché affianca a composizioni di grandi autori della musica classica (Schumann, Schubert, Mendelsshon e Liszt) propone brani di autori meno noti (Henriëtte Bosmans, Valentyn Silvestrov e Vasyl Barvinsky, Woldemar Bargiel, Valentin Silvestrov), ma soprattutto perché ricrea atmosfere evocatrici di temi storici, umani ed etici. Il fotografo Frederic Pauwels dà il meglio di sé con immagini che raccontano la storia ed i luoghi degli eventi dolorosi con una emotività mai celebrativa, ma di trattenuto cordoglio.

Fra le composizioni meno note ricordiamo “Nuit Calme” di Henriëtte Bosmans (1895-1952), compositrice olandese figlia di Henry Bosmans e della pianista Sara Benedictis, molto vicina al compositore Benjamin Britten, Lullaby di Vasyl Barvisnky (1888-1963), compositore ucraino di stile tardo romantico con influenze impressionistiche e del folklore del suo paese, “Adagio, op.38” di Woldemar Bargiel (1828-1897), berlinese e fratellastro di Clara Schumann, Postludium di Valentin Silvestrov, compositore ucraino di stile postmoderno, influenzato dal tardoromanticismo di Mahler, ma anche dalla musica liturgica ortodossa.

Reminiscence: CD